Myrta amava lo studio e lo ha coltivato con eccellente profitto malgrado le numerose assenze cui è stata costretta per via di una cagionevole salute che l'ha afflitta nei primi anni di vita.
Dopo avere frequentato elementari e medie presso le Piccole Suore della Sacra Famiglia, si è brillantemente diplomata al Liceo Linguistico gestito dalle Suore Orsoline.
Ha poi scelto la facoltà di Giurisprudenza, nella prospettiva di collaborare con il padre nello studio legale. A ridestare i suoi maggiori interessi non furono però, benchè studiate con la massima applicazione e con brillante superamento dei relativi esami, le materie tradizionali bensì insegnamenti innovativi con un occhio di particolare riguardo per il "Diritto Anglo-Americano", facente parte del corso di laurea di altra Facoltà (Scienze Politiche e Sociali) del medesimo Ateneo che gli studenti di Giurisprudenza erano abilitati ad inserire nel loro programma di studi.
L'amore per le lingue straniere e per l'inglese in particolare orientò la scelta della tesi di laurea, concordata con l'esimio Prof. Antonio Padoa Schioppa, Preside della Facoltà, ed incentrata sulla "Diffamazione nel Diritto Inglese": tesi elaborata sulla base di accurate ricerche a Londra con la collaborazione dei genitori con i quali formava un'efficiente ed affiatata "equipe".
A coronamento degli studi, Myrta si è laureata con ottima votazione nel Luglio 1988; il conferimento è immortalato in una fotografia che la ritrae dinanzi alla Commissione nel fatidico momento della proclamazione.

La sua frequentazione universitaria non era però destinata a finire lì, poiche ebbe immediato seguito in una collaborazione decennale presso la cattedra del prediletto "Diritto Anglo-Americano", assistendo il titolare Prof. Fabio Ziccardi che nel ricordarLa con affetto dice di Lei: "Myrta fù, con sua particolare soddisfazione, membro anche delle molto più formali commissioni di laurea cui si partecipa ben togati, e con un rispetto delle procedure che è in primo luogo rispetto del molto lavoro fatto dai candidati per scrivere la tesi di laurea e dei loro familiari che numerosi convengono nella bella sala neoclassica della Facoltà di Scienze Politiche, per quella che è una cerimonia di chiusura di una fase della vita degli studenti e di inzio di una fase di vita lavorativa, o di lavoro su nuovi e migliori presupposti.


Myrta apprezzava particolarmente questi aspetti di -se posso usare questa espressione- formalismo affettuoso della seduta di laurea: gradiva essere correlatore di tesi in materia di diritto di famiglia inglese o americano, e questo mi aveva spinto a proporle di scrivere qualcosa in tale ambito, per esempio a commento di una sentenza innovativa in materia di adozione proveniente dalla Corte d'Appello d'Inghilterra; ma Myrta, a causa della sua tragica dipartita, non ha potuto studiare quel tema.
Agli esami di profitto e di laurea manca oggi un sorriso, il sorriso di Myrta".
 
Alcune delle Tesi per le quali Myrta è stata correlatrice.
 



Free blog counters