Myrta Gabardi, nata a Milano il 7 Settembre 1963, agli studi coltivati con sempre elevato profitto aveva abbinato una naturale predisposizione per la poesia e un accentuato interesse per apprendimento ed esercitazioni pianistiche, così tracciando un solco ideale che le ha permesso di incanalare in modo preponderante la propria attività nel settore giornalistico traendo prezioso supporto dalla cultura acquisita in campo letterario e musicale. Nel graduale passaggio dagli "hobbies" alla professionalità, aveva integrato il proprio curriculum scolastico prima diplomandosi al liceo

linguistico e poi conseguendo, sempre con brillante votazione, la laurea in Giurisprudenza presentando un'interessante tesi su la tutela dell'onore nel diritto inglese che le è poi valsa un ruolo di assistente alla cattedra di Diritto Anglo-Americano presso la facoltà di Scienze Politiche e Sociali. Pur senza trascurare la collaborazione all'attività dello studio legale paterno, Myrta si è dedicata con crescente entusiasmo e risultati sempre più apprezzati al giornalismo riconfermando la propria predilezione per il settore della cultura - musica e spettacolo e a tal fine abbinando scritti per la carta stampata e servizi radiofonici imperniati essenzialmente su interviste ai più famosi cantanti, nonchè attori e registi cinematografici.
La breve ma intensa carriera di Myrta è contrassegnata da collaborazione con emittenti lombarde, liguri e svizzere, nonchè con numerose testate fra le quali, esemplificativamente, vanno segnalate " Gazzetta Ticinese - Gazzetta Svizzera - Giornale del Popolo di Lugano e Locarno, La Pagina di Zurigo, Ticino Management, Gt Sette, Il Lavoro, Buon Gusto, Musica E', Il Corriere di Como ".
A gran copia di articoli firmati va accostata gran messe di interviste registrate che ne accoppiano la voce a quelle di Milva, Ranieri, Venditti, Morandi, Fabrizio e Cristiano De Andrè, i Pooh, Peppino di Capri etc.

Ha trovato spazio, sulle orme paterne, per una collaborazione con la giustizia sportiva cimentandosi (prima donna in Italia) in quel ruolo presso il Comitato Lombardo della Federazione del Calcio; e ciò le è valsa l'assegnazione nel 1990 dell'ambito premio "Donna Sport", conferitale nel corso di una suggestiva cerimonia con la presenza del Sindaco di Milano dell'epoca, Paolo Pillitteri, e del noto giornalista Bruno Pizzul.
Fra tante e impegnative attività ha dato spazio anche ad opera di volontariato a favore dell'Unione Italiana Ciechi.

Tragicamente perita alla vigilia del trentaseiesimo compleanno, Myrta ci ha lasciato quale preziosa eredità culturale anche una raccolta di liriche data alle stampe con il titolo "LOVE'S DREAMS" in omaggio al filone che accomuna questi componimenti poetici elaborati a cavallo tra adolescenza e pubertà che tanto hanno sensibilizzato uomini di cultura fra i quali fa spicco il nome di Antonio Greppi, illustre uomo politico, avvocato e letterato, suscitando anche l'interesse di compositori: in particolare, di Susanna Parigi che ha già musicato " TERRA ROSSA ", un vibrante messaggio contro le sciagure belliche.
I genitori hanno istituito due premi rispettivamente intitolati " UNA VITA PER LA MUSICA - UNA MUSICA PER LA VITA " e " IL GIORNALISMO COME PROFESSIONE E MISSIONE ", ideale simbiosi fra attività prediletta dalla Scomparsa e suo indirizzo preferenziale, conferendo dal 2000 in poi riconoscimenti a celebri artisti del canto, concertisti, scrittori, giornalisti, testate radiofoniche e di carta stampata.

Tra le espressioni di cordoglio e parole di conforto pervenute agli affranti Genitori fa spicco un'accorata lettera della Segreteria di Stato Vaticana che comunica la partecipazione del Santo Padre e accompagna il dono di due corone del rosario da Lui benedette.


Free blog counters